Giovanni Paolo Timpano

Hellraiser pin upHow is it that one decides that being a cartoonist can be a job ? How is the awareness that one thing that is usually evaluated as a pastime turns into something more serious?

It can happen in many ways , in my case it happens that the draw of comics have always been your passion since childhood , and you decide that will be your job, the awareness is immediate, despite his young age . But unfortunately , for one reason or another , up to 30 years the only work you have done are the waiter , the mechanic , or bookseller when you’re luky . And then maybe do not give up and insist aleays, even if you’re 10 years old
delay in comparison to those who have had the good fortune to make the schools of comic, or who have had the opportunity to give more continuity in pursuit of their dreams of what I could do myself, and maybe if you have truly believed in the end you can do it . But I will say this only after I designed for at least 40 years, now I’m only at the beginning of my journey .

What do you look for in a story? What must have, to be interesting to tell?

Well, I do this job in a professional way recently, and I think I’m still in that stage where everything goes well. I drew a lot of stories, very different, and yet I did not create those specific filters that make me lean towards a choice rather than another. I like to think that for now I’m gaining experience, then that will help me in the future, in a few years, to decide what is best for me and what does not. Now I want to try everything, all kinds, for publishers, for individuals, for Americans or Italian, my stories or other, independent or mainstream, good or bad. Cause draw a good story can be easy and exciting, but sometimes try to turn a bad story into something beautiful can be even more exciting.

What are the difficulties and facilities to draw on a screenplay by others? And those instead of working on your own ?

I’m at a stage where in addition to draw stories of some other i make my own full storys , however , so my ego requires me to say that only those made by me are better, easier and without difficulty,dot .Jokes apart I’m lucky that when I find something difficult in a script written by others, and I mean maybe difficult with a sequence that did not come back a lot, I think maybe that might work better in a different way, then I have the the freedom to change that sequence , and it is a freedom that I take willingly . The funny thing is that it would be easier to leave things as they are and draw the pattern as it was written , but I love my job and I want the reader are satisfied, so I prefer to drive me crazy a little bit and make things better . Then maybe with old age I will pass this enthusiasm , who knows, but for now it’s okay . The facilitation is right there in having this freedom if you dare , and you allow it to , because not all publishers give it to you , for now it’s fine .

Do you have a method of work ? A particular approach to the realization of a story ?

I am fortunate to work on many projects , all very different from each other , so often the method changes , because it changes the subject, the kind of story , the collaborators , the The Shadow #12 pg 9publisher himself, and so on. So it is normal that make a noir / pulp for a mainstream publisher requires a totally different approach from achieving a historical comic for an independent publisher , they change so many factors that sometimes does not even look the same trade . I think we should talk about “methods”.

You have some authors of reference ? The putative  artistic ” parents “?

Of course , I am grown up with Marvel 90s, then Spiderman by Mark Bagley , the first Rob Liefeld , Erik Larsen and Arthur Adams , were the ones that I copied most of all in the first half of my life. Then with the increase , rather than figure out how to do it, try to understand why they do it, why certain choices , and of course tastes a little ‘ change , so with regard to the other half of my life artists reference have become the various Ron Garney , Steve Epting , Sergio Toppi , John Cassaday , Lee Weeks , Bruno Brindisi and Brian Hitch.

The comic book that you’ve read and that you liked the most , and why?

In these cases, the most obvious answer is that they are so many that it is hard to mention just one , and of course you are likely to pull out always the same sacred cows , so will restrict the field only to what struck me in the last year , so I would say ” Saga ” Vaughan / Staples, ” Unastoria ” Gipi , ” I Kill Giants ” by Kelly / Niimura , ” Sweet Tooth ” by Lemire , and then there ‘s a lot more that for sure I will think tomorrow it will be too late, I read too many .

What is the comic that you are author the most dear to you , and why?

This answer is easy for me , I have this 72-page story written and drawn by me, ” Cadavers ” , locked in a drawer just waiting for me to look for a publisher, since it is already finished both lyrically and in the drawings, but which in no hurry to be read , then will come his moment , both in Italy and in the USA Is dear to me because it is the first story written and drawn only from me, and it’s a strange thing because I care so much  I have not managed to find the right publisher that enhances me , I do not feel to be satisfied that the first happen , so I decided to wait and let go a bit ‘ of time, give it to a publisher who does treat her the right way . Speaking of comics drawn by me, but written by others , right now I answer with The Shadow , my current job, it is the first regular series I’ve ever been given ( until now I had only worked a miniseries or one -shots ) and because of it working with peoples likes Chris Roberson and Victor Gischler .

It ‘s a work which would you recommend , your ? Advice to young cartoonists ?

Frequently read answers to this question with negative and pessimistic tones : in this environment (like many others) there is a little ‘ fear that what you after you steal the work, so often we tend to discourage the peoples , but for me the truth is that if you behave in a professional manner and make your you do not have to worry about anyone else, the failure would be only own fault.And then today there is no longer the speech that works more “normal” are more stable artistic and make a trade like this is too risky.
If I look back and think back to the restaurants, factories, hotels , companies, etc. . where I worked before drawing full-time, unfortunately, are more closed than open ones , because of the times in which we live. So I recommend it to all those who love the comics, draw it or write it, that you can not incite people to pursue their dreams.

TRADUZIONE

Frost #2 cover inksCom’è che uno decide che fare il fumettista può essere un lavoro? Come avviene la presa di coscienza che una cosa che generalmente viene valutata come un passatempo si trasforma in qualcosa di più serio?

Può succedere in tante maniere, nel mio caso succede che i fumetti e il disegnarli son sempre stati la tua passione, sin da bambino, e decidi che quello sarà il tuo lavoro da subito, la presa di coscienza è immediata, nonostante la giovane età. Ma purtroppo, per un motivo o per un altro, fino a 30 anni gli unici lavori che hai fatto sono il cameriere, l’operaio metalmeccanico, o il libraio quando ti va bene. E poi magari non ti arrendi e insisti lo stesso, anche se sei 10 anni in
ritardo in confronto a quelli che hanno avuto la fortuna di fare le scuole del fumetto, o che hanno avuto la possibilità di dare più continuità all’inseguimento dei propri sogni di quanto ho potuto far io, e magari se ci hai creduto veramente alla fine ce la puoi fare. Ma questo potrò dirlo solo dopo che avrò disegnato per almeno 40 anni, per adesso son soltanto all’inizio del mio cammino.

Cosa cerchi in una storia? Cosa deve avere, per essere interessante da raccontare?

Beh, faccio questo mestiere in maniera professionale da poco, e penso di essere ancora in quella fase dove tutto va bene. Ho disegnato molte storie, molto diverse tra loro, e ancora non ho creato quei determinati filtri che mi facciano pendere verso una scelta piuttosto che un’altra. Mi piace pensare che per ora sto accumulando esperienza, che poi mi aiuterà un domani, tra qualche anno, a decidere meglio cosa fa per me e cosa no. Ora voglio provare tutto, tutti i generi, per editori, per privati, per americani o per italiani, storie mie o di altri, indipendenti o mainstream, belle o brutte. Perché disegnare una storia bella può esser facile e entusiasmante, ma a volte provare a trasformare una storia brutta, in qualcosa di bello può esser ancor più entusiasmante.

Quali sono le difficoltà e le facilitazioni di disegnare su una sceneggiatura di altri? E quelle invece di lavorare sulla propria?

Sono in una fase dove oltre che disegnare storie di altri disegno anche alcune mie, e quindi il mio ego mi impone di dire che quelle fatte solo da me sono migliori, più facili e senza difficoltà,
punto.Scherzi a parte ho la fortuna che quando trovo qualcosa di difficile in una sceneggiatura scritta da altri, e con difficile intendo magari una sequenza che non mi torna molto, che magari penso potrebbe funzionare meglio in un altro modo, allora mi viene data la libertà di cambiare tale sequenza, ed è una libertà che mi prendo volentieri. La cosa buffa è che sarebbe più facile lasciare le cose come stanno e disegnare la sequenza così come è stata scritta, ma io amo il mio lavoro e ci tengo che il lettore ne sia soddisfatto, quindi preferisco ammattire un po’e rendere le cose migliori là dove posso, anche perdendoci del tempo. Poi magari con la vecchiaia questo entusiasmo mi passerà, chissà, ma per ora va bene così. La facilitazione sta proprio lì nell’avere questa libertà se te la permetti e te la permettono, perché non tutti gli editori te la danno, per ora mi è andata bene.

Hai un metodo di lavoro preciso? Un approccio particolare alla realizzazione di una storia?

Ho la fortuna di lavorare su tanti progetti, tutti molto diversi tra loro, quindi spesso il metodo cambia, perché cambia il soggetto, il tipo di storia, i collaboratori, l’editore stesso, ecc. Quindi è normale che realizzare un noir/pulp per un editore mainstream richieda un approccio totalmente diverso dal realizzare un fumetto storico per un editore indipendente, cambiano così tanti fattori che a volte non sembra neanche lo stesso mestiere. Credo che dovremmo parlare di “metodi”.

Yi Soon Shin Banner #1Hai degli autori di riferimento? Dei “genitori” artistici putativi?

Certo, io son cresciuto con la Marvel degli anni ’90, quindi lo Spiderman di Mark Bagley, il primo Rob Liefeld, Arthur Adams e Erik Larsen, erano quelli che copiavo più di tutti nella prima metà della mia vita. Poi col crescere, più che capire come lo fanno, cerchi di capire il perché lo fanno, il perché di determinate scelte, e poi ovviamente i gusti un po’ cambiano; quindi per quanto riguarda l’altra metà della mia vita gli artisti di riferimento son diventati i vari Ron Garney, Steve Epting, Sergio Toppi, John Cassaday, Lee Weeks, Bruno Brindisi e Brian Hitch.

La storia a fumetti che hai letto e che più ti è piaciuta, e perchè?

In questi casi la risposta più scontata è che son così tante che è difficile citarne una sola e ovviamente si rischia di tirare fuori sempre i soliti mostri sacri, quindi restringerò il campo solo a
quello che mi ha colpito nell’ultimo anno, quindi direi “Saga” di Vaughan/Staples, “Unastoria” di Gipi, “I Kill Giants” di Kelly/Niimura, “Sweet Tooth” di Lemire, e poi ce ne son tante altre
che di sicuro mi verranno in mente domani quando sarà troppo tardi, ne leggo troppi.

Qual’è il fumetto di cui sei autore che più ti è caro, e perché?

Questa risposta è facile per me, ho questa storia di 72 pagine scritta e disegnata da me, “Cadavers”, chiusa in un cassetto che aspetta solo che io le cerchi un editore, poiché è già terminata sia nei testi che nei disegni, ma che non ha fretta di esser letta, quindi arriverà il suo momento, sia in Italia che negli U.S.A. Mi è cara perché è la prima storia scritta e disegnata unicamente da me, ed è una cosa strana perché proprio perché ci tengo tanto non sono ancora riuscito a trovare l’editore giusto che me la valorizzi, non me la sento di accontentarmi del primo che capita, quindi ho preferito aspettare e far passare un po’ di tempo, che darla ad un editore che non la trattasse nella giusta maniera. Parlando di fumetti disegnati da me, ma scritti da altri, ora come ora rispondo con The Shadow, il mio attuale lavoro, perché è la prima serie regolare che mi sia mai stata affidata (fino ad ora avevo lavorato solo a miniserie o one-shots) e perché su di essa lavoro con gente del calibro di Chris Roberson e Victor Gischler.

E’ un lavoro che raccomanderesti, il tuo? Consigli ai giovani fumettisti?

Di frequente leggo risposte a questa domanda con toni pessimistici e negativi: in questo ambiente (come in molti altri) c’è un po’ la paura che quello dopo di te ti rubi il lavoro, quindi spesso si tende a scoraggiare il prossimo, ma per me la verità è che se ti comporti in maniera professionale e fai il tuo non hai da temere nessun altro, il fallimento sarebbe solo ed esclusivamente una colpa propria.E poi oggigiorno non esiste più il discorso che lavori più “normali” son più stabili e fare un mestiere artistico come questo è troppo rischioso.
Se mi guardo indietro e ripenso ai ristoranti, fabbriche, alberghi, aziende ecc. dove ho lavorato prima di disegnare full-time, purtroppo sono più quelle chiuse di quelle aperte, per via dei tempi in cui viviamo. Quindi lo raccomando, a tutti quelli che amano il fumetto, disegnarlo o scriverlo, non si può che incitare le persone a coltivare i propri sogni.

http://giovannitimpano.blogspot.it

http://giotim.deviantart.com/

https://twitter.com/GioTimpano

https://www.facebook.com/GiovanniPTimpano

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...