Jose Alves da Silva

Le_RabbitHow do you approach to the job?

For professional work, I usually start with a 2D concept that the client approves and only after that I move to 3D. It is a work made of several stages so that the client has to give his approval at certain points and his feedback can be incorporated along the development. I try to be very creative in the beginning but after the idea is approved, the work becomes more technical.

However, in personal work I like to do the opposite, with a lot of freedom in the process trying to keep every stage creative. I am always thinking about things/stories that would be worth telling. When I find an idea that I feel that I have to tell, then I usually jump directly to a 3D concept in Zbrush. Zbrush acts a lot like a block of clay and I can experiment in 3D. Then I start solving the light, composition, textures simultaneously as all influence each other. It can be pretty chaotic but I only stop when I feel that I have accomplished what I had in mind.

Are you always satisfied with the final result? if not, what do you do?

Actually, I only know if I am satisfied long after finishing the piece. After working many hours on a piece we lose the necessary distance to evaluate it. Sometimes what you see is what you have in your mind and not exactly what is on the piece (that is why flipping the canvas horizontally from time to time is so effective, you have an instant fresh view on your work). I usually try to push every piece as far as I can, and I have learned to put it aside when I am tired of it, resisting the impulse to publish it as it is and get rid of it. Then, when I have a hunger for it again, I get back to it and continue with a refreshed strength. Usually, I am pretty satisfied with the result because I Mouse_Lovegive it all on each one. It is surprising when I look back at one of my pieces that I didn’t see for a long time and think that I did a pretty good job on it.

Where do you find the inspiration?

I believe that everything inspires us. It can be a person that you see on the street that has some different facial features, a film/book that touches you, a conversation with your kids or seeing other artists work. We are a melting pot of images and emotions. It is very important to see other artists work, we slowly build a library of excellent images in our mind that become the standard by which we evaluate our own work. If the standards are high we will only consider that our work is done when it meets those standards.

Seeing at the world or is just something inside of you?

HairyOldGuyWhen I imagine my work it feels like it comes from inside of me. However, that material that has been transformed inside me must have some origin outside. It is the melting pot idea that I referred in the previous question. I consider that originality consists of new ways of looking at the world, not necessarily changing that world. Those experiences can be turned into emotions that are sent back to the canvas with a form that can be very different from the reality that motivated it. I would have to say that it is both, external input and inside transformation, one can not exist without the other.

What are your artistic preferences and how do they influence you?

I do not like to categorize things. Saying that I love a certain period in painting history would be like liking every heavy metal band in the world. Some are good , others are not. Even within a single artist work there are pieces that touch me and others that do not.
I am not a fan of photorealism, I like pieces that present me a different view of the world. I love pieces in which the detail is hinted and with a single stroke the artist suggests the detail, leaving to our mind the role of filling that stroke. Expressionism is among my favorite art periods.
Regarding artists that have an influence on me, they are too many to mention. The curious thing is that their work is very different from mine, because I tend to fall in love with the kind of work that I can not do. It motivates me to get better, but I feel that I will never reach it. To name a few, the painter Júlio Pomar and the cartoonist André Carrilho are my favorites among portuguese artists. Albert Uderzo with his Astérix comics was a big influence in my teens. I also love the paintings of Kolesov and Jeff Simpson and the great line work of Shane Glines and Otto Schmidt. But there are many, many more.

Boxing_KangarooWhat’s your hobby?

I am one of the lucky ones who does his hobby for a living. It wasn’t always that way.
I love sculpting and drawing, especially characters. Fortunately, now people pay me to do that .
And I like cooking too, it is hugely creative!

TRADUZIONE

Come ti approcci al lavoro?

Per il lavoro professionale, di solito comincio con un concept 2D che il cliente approva e solo dopo lo trasferisco in 3D. E ‘un lavoro fatto di più fasi in modo che il cliente debba dare la sua approvazione in alcuni punti e il suo feedback può essere incorporato lungo lo sviluppo. Cerco di essere molto creativo in ​​principio, ma dopo che l’idea viene approvata, il lavoro diventa più tecnico.

Tuttavia, nel lavoro personale mi piace fare il contrario, con un sacco di libertà nel processo di ricerca nel mantenere ogni fase creativa. Penso sempre a cose/storie che varrebbe la pena raccontare. Quando trovo un’idea che sento che devo dire, allora di solito salto direttamente a un concetto 3D in Zbrush. Zbrush agisce un po ‘come un blocco di argilla e posso sperimentare in 3D. Poi comincio a risolvere la luce, la composizione, le texture e contemporaneamente come ogni cosa influenzi l’altra. Può essere piuttosto caotico ma mi fermo solo quando sento che ho compiuto quello che avevo in mente.

PandaSei sempre soddisfatto del risultato finale? se no, che cosa fai?

In realtà, io so solo se sono soddisfatto a lungo dopo la fine del pezzo. Dopo molte ore di lavoro su un pezzo perdiamo la distanza necessaria per valutarla. A volte quello che vedi è quello che hai nella tua mente e non è esattamente quello che è sul pezzo (è per questo che conviene girare la tela in orizzontale di volta in volta così avrete un punto di vista fresco sul lavoro). Di solito cerco di spingere ogni pezzo, per quanto posso, e ho imparato a metterlo da parte quando ne sono stanco, resistendo all’impulso di pubblicarlo così com’è e sbarazzarmene. Poi, quando ho di nuovo fame di esso, mi ci rimetto e continuo con una forza fresca. Di solito, io sono abbastanza soddisfatto del risultato, perché do tutto su ognuno. E ‘sorprendente quando guardo indietro a uno dei miei pezzi che non vedevo da molto tempo e penso che ho fatto un buon lavoro.

Dove trovi l’ispirazione?

Credo che tutto ci ispiri. Può essere una persona che si vede sulla strada che ha alcune differenti caratteristiche del viso, un film / libro che ti tocca, una conversazione con i vostri bambini o vedere altri artisti di lavoro. Noi siamo un melting pot di immagini ed emozioni. E ‘molto importante vedere il lavoro di altri artisti, dobbiamo lentamente costruire una libreria di immagini eccellenti nella nostra mente che diventano lo standard con cui valutiamo il nostro lavoro. Se gli standard sono alti considereremo solo che il nostro lavoro è finito quando è Barrio_Guyconforme a tali norme.

Guardando il mondo o è solo qualcosa dentro di te?

Quando immagino il mio lavoro sento come viene da dentro di me. Tuttavia, il materiale che è stato trasformato in me deve avere qualche origine esterna. E’ all’idea di fusione cui ho fatto riferimento nella domanda precedente. Ritengo che l’originalità sia costituita da nuovi modi di guardare il mondo, non necessariamente cambiare quel mondo. Tali esperienze possono essere trasformate in emozioni che vengono inviate indietro alla tela con una forma che può essere molto diversa dalla realtà che lo ha motivato. Avrei dovuto dire che è tutto, ingresso esterno e trasformazione all’interno, l’uno non può esistere senza l’altro.

Quali sono le tue preferenze artistiche e come ti influenzano?

Non mi piace per categorizzare le cose. Dire che amo un certo periodo nella storia della pittura sarebbe come simpatizzare con ogni band heavy metal del mondo. Alcuni sono buoni, altri non lo sono. Anche all’interno di una singola opera dell’artista ci sono pezzi che mi toccano e altri che non lo fanno.
Io non sono un fan di fotorealismo, mi piacciono i pezzi che mi presentano una visione diversa del mondo. Amo pezzi in cui il dettaglio è accennato e con un solo colpo l’artista suggerisce il dettaglio, lasciando alla nostra mente il ruolo di riempire quel colpo. L’espressionismo è tra i miei periodi di arte preferita.
Per quanto riguarda gli artisti che hanno una influenza su di me, sono in troppi a parlare. La cosa curiosa è che il loro lavoro è molto diverso dal mio, Tequila_Tatuperché tendo a innamorarmi del tipo di lavoro che non posso fare. E mi motiva a fare meglio, ma sento che non potrò mai raggiungerlo. Per citarne alcuni, il pittore Júlio Pomar e il vignettista André Carrilho sono i miei preferiti tra gli artisti portoghesi. Albert Uderzo con i suoi fumetti Asterix fu una grande influenza nella mia adolescenza. Amo anche i dipinti di Kolesov e Jeff Simpson e il grande lavoro lineare di Shane Glines e Otto Schmidt. Ma ci sono molti, molti altri ancora.

Qual è il tuo hobby?

Io sono uno dei fortunati che fa il suo hobby per vivere. Non è stato sempre così.
Amo scultura e disegno, soprattutto personaggi. Fortunatamente, ora la gente mi paga per farlo.
E mi piace molto cucinare, è estremamente creativo!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...