Michel Berberian

How do you approach to the job? 

I alwayspaint as far as I can remember my life. It is part of me. It is my way of seing, thinking and express muself. It is not a job. It is my life.

Are you always satisfied with the final result? if not, what do you do?
 

I am always satisfied with my finished work BUT that what is lef after I throw away lots of pieces I think tey are not good enough. 
 

Where do you find the inspiration?
 
In my mind that never stops.

Seeing at the world or is just something inside of you?
 
I am very interested by the way the world is running, and politics and also the way man is trying to survive in the environnement he himself has built. No creation works without a minimun of involving and reflexion about the meaning of all this and where we are supposed to go… But I do not paint landscape, it all comes thru my head.
(Read the texte below).

What are your artistic preferences and and how do they influence you?
 

Jean Dubuffet of course, with the « Art brut » thinking, Cobra and the way tey wanted to get out of museums, « Figuration libre (Combas..), Americans graffers (JM Basquiat, Keith Haring…) , Cy Twombly, Antoni Tapies… I love the freedom they have in the way they paint.

What’s your hobby ?
 

Exhibitions, traveling, going to the beach

My website : www.berberian.fr

The texte :

And yet, he is painting
Many of us see the artist as a bohemian living by his wits and deviancy, on the fringe of society, without spouse or family life, drinking, on drugs, and eating the soles of his shoes. Michel Berberian use to work in advertising, to live in a single family home with wife and children, he has consumed but the minimum of Côtes du Rhône so as not to pass for a killjoy, and uses his soles to walk on.
Many see the artist as a backward person, or one who is not in tune with a materialist world, simultaneously with the simplest motivation and the most complicated methods. Michel, however, drives his sedan swiftly, knows how to make a business plan, writes commercial sales blurbs, is installing the latest version of Internet Explorer on his i-Mac and an automatic watering system in his yard. As a matter of fact Michel, as opposed to certain painters or rather, to our views of them, is well adjusted. And yet, he is painting. He paints running men (L’Homme Courant, Man Running, commonplace and oh so current), big birds that fly, lop-sided faces, women rising up. So many people who evolve in the midst of a complex magma of vivacious colours, (Les Mots d’Estomacs, Tummy Words, quadriptych painted on the instructions of a pharmaceutical lab). But if Michel is indeed mastering the complexity of the system, it’s clear that he is also suffering from it. In his paintings, the characters have been gnawed-on, are nearly harrowed by the magma, (L’Homme en Colère, the Man in Anger, “not getting indignant equals abdicating”). The running man is in the midst of a bombardment, the heads seem to be irradiated, and the bird appears to be vitrified in flight. Michel attempts to escape himself, in vain: the man is running in a conflagration which extends beyond the painting’s frame, the bird is still gliding but another hail of missiles will pull it to pieces, the face has “lost its head;” as it were, and the woman rising up into the air is but a crucified body.

It is said that “true art is not decorative” and we tend to think that artists cannot exist without suffering. Michel Berberian expresses a particular kind of suffering: the suffering of the alienation to which we are subjected daily; an alienation which, contrary to dictatorships, is less on our outside than inside of us, such an intimate alienation that it is difficult to express… unless you are an artist.

Michel Berberian’s paintings, often in big formats, use acrylic and soft lead pencil. An instinctive and powerful gesture combined with a perfectly assimilated technique produce works of a rare power and originality. This masterfully orchestrated sequence of forms and colours is exerting an irresistible appeal. Several themes are recurrent in the abundance of his paintings:

L’Homme Courant
This running man is a bit like every one of us. Running after what? Progress, happiness or the bus? Or fleeing what, original chaos, the pressures of modern world or simply escaping from oneself? This, at any rate, is universal man, so human with his apparent fragility, commonplace and oh so current.

Les Mots d’Estomac
“One day when I was working on the advertising campaign of a pharmaceutical lab, I noticed that the therapeutic instructions of one of their leading drugs described exactly the diseases associated with junk food. Straight away I took the text and had much enlarged serigraphs made, on thick carton boards which I then used as a basis to work on this series.”

Les Hommes en Colère
Everywhere the world is driving us to legitimate anger. Sane man owes himself indignation, protest against fate, injustice, and the forces which surpass us. Not to be indignant equals accepting or abdicating. Thus, in an irrational way man does cry out, is voicing his indignation, his anger. For Michel Berberian this scream expresses all the energy of the furor of living or surviving.


Michel Berberian was born in 1949 into a family of artists and antiquarians. When he is ten years old, his parents open an art gallery in Paris. Very early he spends most of his Thursday afternoons and Sundays with the painter Gen Paul, a painter of the gallery and a friend. In this way he naturally becomes the student of this great Montmartre painter until Gen Paul dies in 1974.
At the end of his studies, after a long sojourn in the United States, he opens his own design studio. He starts to work as a poster designer for the theatre, then for the cinema, for its greatest: Jean-Luc Goddard, Carlos Sauras, Bertrand Tavernier, Éric Rohmer, James Ivory etc. Thus he exercises the function of creative artist of an advertising agency during more than twenty years.
But the necessity to come back to the sources of personal expression haunts him. Towards the end of the ‘90s he picks up his paint brush again and for several years carries out a double activity, creating advertising campaigns during the week and painting on the weekends.
Progressively he thus develops an oeuvre built around a personal process which he calls “the regular intervals.” Besides his painting, Michel is also a photographer and a writer.
Today Michel Berberian is living and working near Uzès in the Gard (France).


TRADUZIONE:


 
Come ti approcci al lavoro?  
Ho sempre dipinto per quanto possa ricordare. E ‘parte di me. E ‘il mio modo di vedere, pensare ed esprimere me stesso. Non è un lavoro. E ‘la mia vita. 
Sei sempre soddisfatto del risultato finale? Se no, cosa fai?
Sono sempre soddisfatto del mio lavoro finito, ma che ciò che resta dopo che ho buttato via un sacco di pezzi che penso non siano abbastanza buoni. 
 
Dove trovi l’ispirazione? 
Nella mia mente che non si ferma mai.
Guardando al mondo o è qualcosa dentro di te?
Sono molto interessato al modo in cui funziona il mondo, la politica e anche il modo ln cui l’uomo sta cercando di sopravvivere nell’ambiente da lui stesso costruito. Nessuna creazione funziona senza un minimo di coinvolgimento e riflessione sul significato di tutto questo e dove dovremmo andare… Ma io non dipingo paesaggi, tutto sisvolge nella mia testa.(Leggi il testo sotto).  
 
Quali sono le tue preferenze artistiche e non e come ti influenzano?
 
Jean Dubuffet, naturalmente, con l’«Art brut» pensiero, Cobra e la maniera in cui voleva uscire di musei, «Figuration libre (Combas..), I graffitari americani (JM Basquiat, Keith Haring …), Cy Twombly, Antoni Tapies … amo la libertà che hanno nel loro modo di dipingere. 
 
Qual è il tuo hobby? 
 
Mostre, viaggiare, andare al mare
Il testo:
Eppure, sta dipingendoMolti di noi vedono l’artista come un essere vivente bohemien di espedienti e di devianza, ai margini della società, senza coniuge o vita familiare, bevitore, drogato, che si ciba delle suole delle sue scarpe. Michel Berberian è solito lavorare nella pubblicità, vive in una casa con moglie e figli, ha consumato il minimo della Côtes du Rhône in modo da non passare per un guastafeste, e usa le sue suole per camminare.Molti vedono l’artista come una persona ritrosa, che non è in sintonia con un mondo materialista, in contemporanea con la semplice motivazione e i metodi più complicati. Michel, invece, guida la sua berlina in fretta, sa come fare un business plan, scrive blurbs commerciali di vendita, sta installando l’ultima versione di Internet Explorer sul suo i-Mac e un sistema di irrigazione automatica nel suo giardino. È un dato di fatto: Michel, a differenza di alcuni pittori, o meglio delle nostre opinioni su di loro, è ben regolato. E tuttavia, egli è pittore. Dipinge uomini che corrono (L’Homme Courant, Uomo che corre, banale e così attuale), grandi uccelli che volano, due lati delle facce, le donne che si elevano. Tante persone che si evolvono in mezzo a un magma complesso di colori vivaci, (Les Mots d’Estomacs, parole di stomaco,  dipinto sulle istruzioni di un laboratorio farmaceutico). Ma se Michel sa davvero padroneggiare la complessità del sistema, è chiaro che egli è anche affetto da essa. Nei suoi dipinti, i personaggi sono stati rosicchiati, sono quasi straziati dal magma, (L’Homme en colère, l’Uomo arrabbiato “, non indignarsi è uguale a rinunciare”). L’uomo che corre è nel bel mezzo di un bombardamento, le teste sembrano essere irradiate, e l’uccello sembra essere vetrificato in volo. Michel cerca di scappare da se stesso, invano: l’uomo è in esecuzione in un incendio che si estende oltre cla ornice del quadro, l’uccello sta ancora scivolando, ma un’altra pioggia di missili fa in pezzi, la faccia ha “perso la testa”, e la donna sale in aria, ma è un corpo crocifisso.
Si dice che “la vera arte non sia decorazione” e tendiamo a pensare che gli artisti non possano esistere senza sofferenza. Michel Berberian esprime un particolare tipo di sofferenza: la sofferenza di alienazione a cui siamo sottoposti ogni giorno; un’alienazione che, contrariamente alle dittature, è menoesterna che dentro di noi, una tale alienazione intima che è difficile esprimere … a meno di non essere un artista.
Michel Berberian dipinge, spesso in grandi formati, utilizzando matita e acrilico morbido. Un gesto istintivo e potente unito ad una tecnica di prodotti perfettamente assimilati per opere di rara potenza e originalità. Questa magistralmente orchestrata sequenza di forme e colori sta esercitando un richiamo irresistibile. Diversi temi sono ricorrenti in abbondanza dei suoi dipinti:
L’Homme CourantQuesto uomo che corre è un po ‘come ognuno di noi. Corre dietro a cosa? Il progresso, la felicità o l’autobus? O in fuga da che? Dal caos originario, dalle pressioni del mondo moderno o semplicemente in fuga da se stesso? Questo, in ogni caso, è l’uomo universale, così umano con la sua apparente fragilità, banale e così attuale.
Les Mots d’Estomac“Un giorno mentre stavo lavorando alla campagna pubblicitaria di un laboratorio farmaceutico, ho notato che le indicazioni terapeutiche di uno dei loro principali farmaci descrivevano esattamente le malattie associate con il cibo spazzatura. Subito ho preso il testo e ho fatto una serigrafia molto ampia su spesse tavole di cartone che poi ho usato come base per lavorare su questa serie.”
Les Hommes en colèreIl mondo ci sta portando alla rabbia legittima. L’uomo sano di mente si deve indignare, protestare contro il destino, l’ingiustizia, e le forze che lo sovrastano. Non essere indignato è uguale ad accettare o rinunciare. Così, un uomo che in un mondo irrazionale grida, esprime la sua indignazione, la sua rabbia. Per Michel Berberian questo grido esprime tutta l’energia del furore di vivere o sopravvivere.

Michel Berberian è nato nel 1949 in una famiglia di artisti e antiquari. A dieci anni, i suoi genitori aprono una galleria d’arte a Parigi. Molto presto trascorre la maggior parte dei suoi pomeriggi di giovedì e la domenica con il pittore Gen Paul, pittore della galleria e amico. In questo modo egli diventa naturalmente lo studente di questo grande pittore di Montmartre fino a che Gen Paul muore nel 1974.Alla fine dei suoi studi, dopo un lungo soggiorno negli Stati Uniti, apre il proprio studio. Comincia a lavorare come designer di poster per il teatro, poi per il cinema, per i più grandi: Jean-Luc Goddard, Carlos Sauras, Bertrand Tavernier, Éric Rohmer, James Ivory, ecc. Così egli esercita la funzione di artista creativo in una agenzia pubblicitaria per più di venti anni.Ma la necessità di tornare alle fonti di espressione personale lo perseguita. Verso la fine degli anni ’90  prende il suo pennello di nuovo e per molti anni svolge una duplice attività, la creazione di campagne pubblicitarie durante la settimana e la pittura nei fine settimana.Progressivamente si sviluppa così un’opera costruita intorno ad un processo personale che egli chiama “gli intervalli regolari.” Oltre la pittura, Michel è anche un fotografo e uno scrittore.Oggi Michel Berberian vive e lavora vicino a Uzès nel Gard (Francia).

 
 
 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...