MIRIADE – Ale Giorgini

Ciao Ale, innanzi tutto: come nasce il progetto Miriade?

Brevissima premessa: Miriade è una realtà vicentina che opera nei settori del software e del web e da sempre ha scelto di distinguersi nell’utilizzo di canali, strumenti e metodi di comunicazione. 

Il progetto che vede la mia collaborazione, nasce proprio dalla volontà di essere presente nei social networks (nel caso specifico facebook) in un modo originale e che, nelle nostre intenzioni, potesse dare vita ad una sorta di canale di “entertainment” targato Miriade. É nata così l’idea di utilizzare le strisce a fumetti come fillers quotidiani nella fan page di Miriade e nel periodico aziendale. Ma anche cartoons per introdurre seminari informatici organizzati dall’azienda: nello specifico ho realizzato un cartone animato che spiega cos’è il “cloud computing”.

Quali sono stati i passaggi che ti hanno portato a sviluppare i personaggi?

Il processo è stato praticamente immediato. Molti dei software e dei servizi sviluppati di Miriade hanno animali come logotipo e ho quindi pensato fosse la naturale strada da seguire: ho preso alcuni di quegli animali e li ho fatti diventati i protagonisti delle strisce, ridisegnandoli utilizzando uno stile minimalista, volendo rimanere a metà strada fra il cartooning e il graphic design.

Quali le tecniche che hai utilizzato per le strisce ed utilizzerai per le animazioni?

Disegno direttamente in vettoriale (in Adobe Illustrator). 

L’idea per i testi delle strisce mi viene nei momenti più disparati e li scrivo dove mi capita: mentre guardo la tivù, al bar su un tovagliolo, sulle note del cellulare, su post-it che ho appicciati in giro per lo studio. Li lascio lì qualche giorno, a decantare, poi li rileggo e scelgo quelle che mi convincono di più e ne disegno la striscia. Per le animazioni, invece, lavoro con After Effects.

Il processo di realizzazione del cartoon sul cloud computing ha seguito le classiche fasi: storyboard a matita, animatic presentato al cliente e poi la fase esecutiva di animazione e sound design realizzata completamente nel mio studio.

Come vedi in futuro (ed anche nel presente) l’interazione fra grafica, fumetto/strip, illustrazione, marketing promozionale, dinamiche aziendali e social network?

Arrivo dal mondo della pubblicità. Ho lavorato per molti anni in agenzia come direttore creativo e ho sempre “contaminato” i miei lavori con l’illustrazione ed il fumetto. Spesso mi è capitato di realizzare mascotte, illsutrazioni, fumetti, cartoons per la pubblicità di settori merceologici fra i più disparati: dalle compagnie aeree, ai gioielli, dai prodotti alimentari, all’abbigliamento, da agenzie viaggi, fino ad aziende metalmeccaniche. 

Per me è sempre stato “naturale” far interagire grafica, fumetto ed illustrazione con le strategie di marketing di molte delle aziende con cui ho lavorato. 
Il discorso social network è un po’ più complesso e necessiterebbe di ragionamenti di mercato che risulterebbero prolissi e un po’ noiosi. 

Va comunque detto che ormai facebook è sicuramente diventato un nuovo media sul quale pianificare la comunicazione aziendale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...